Post

Visualizzazione dei post da giugno, 2024

MATRIMONIO

Immagine
                                                                         Una volta, tanto tempo fa, in occasione del matrimonio di un amico, ebbi la felice idea (all’epoca ogni tanto ne avevo una) di inviare agli sposi un telegramma spiritoso in luogo del solito pistolotto di circostanza, così concepito: “Amarsi è prendersi per mano e correre”. Quell’amico non mi ha più rivolto la parola. Io seguito a crederci: come idea non mi sembra male, anzi piuttosto realistica, in fin dei conti non si corre solo per necessità, si corre anche per piacere ed il fatto di farlo insieme mi sembra di buon auspicio per chi si accinge a far vita in comune con un’altra persona. Per non sbagliare non ripeterò lo stesso invito. La butto là come proposta: se qualcuno ci crede, ci faccia un pensierino. Buon footing!   (Del tutto occasionalmente, per un matrimonio che si celebrerà domani).

IL LUTTO

Immagine
                                                                              “La Luce delle Stelle Morte - saggio sul lutto e sulla nostalgia” che Massimo Recalcati ha pubblicato qualche tempo fa, mette in relazione la luce delle stelle che si sono spente, che giunge fino a noi molto tempo dopo la loro esplosione o implosione, con la nostra esperienza spirituale del lutto per la perdita di una persona cara e della conseguente nostalgia. L’assunto è che come le stelle seguitano ad emettere raggi anche dopo la loro morte, così le persone care che ci hanno preceduto e che sono scomparse seguitano a vivere dentro di noi e noi elaboriamo il nostro lutto per la loro perdita, mantenendone viva la memoria. Questo voglio dire, oggi 14 giugno, a cinque mesi dalla scomparsa del nostro caro Giuseppe Simone. Egli vive entro di noi ed emana una luce che è di consolazione per tutti coloro che hanno avuto la ventura di percorrere un tratto della loro vita insieme a lui e ne hanno apprezzato l

IL SOGNO SEGRETO

Immagine
  C’è un sogno segreto in ciascuno di noi, un’aspirazione, un desiderio che ci piacerebbe vedere realizzato e del quale tuttavia non vogliamo parlare, per ritrosia o perché troppo intimo, che gli altri non potrebbero comprendere. Anche Giuseppe aveva il suo e lo ha rivelato di recente a Luisa, la compagna fedele dell’ultima stagione della sua vita, in un sogno di quelli che ci fanno apparire chiaro ed evidente che la nostra vita si svolge su due piani, quello della veglia, di cui sappiamo quasi tutto e quello onirico, di cui sappiamo poco o nulla. Ed è ciò che è successo a Luisa: Giuseppe le è apparso nel sonno, come nella vita reale, consapevole del suo nuovo stato ed ha voluto subito rassicurarla sulle sue condizioni attuali. Sto bene, le ha detto e sono felice perché sto studiando un nuovo programma per fare i cartoni animati e le ha sorriso. Il sogno di una vita, ha aggiunto, finalmente disegno cartoni animati ed era felicissimo. Poi la scena si è trasferita in cucina ed egli era c

COMPLEANNO

Immagine
COMPLEANNO Dedico questo giorno a mio figlio Giuseppe Simone. Ringrazio tutti quelli che con belle parole mi hanno dedicato un pensiero di affetto e considerazione e li invito a rivolgere un pensiero analogo a lui, non per compiangere, come diceva, ma per commemorare. Grazie, grazie, grazie, tutti insieme uniti in un ideale tributo alla fatalità della vita, facciamo che sia con noi, calice in mano, a brindare contro le avversità e perché appaia la luce in fondo al tunnel, che alla fine trionferà.                                                                     IL GIORNO DOPO Caro Giuseppe, il nostro giorno è passato, abbiamo brindato insieme, noi due e tutti i nostri amici che hanno voluto onorarci con la loro presenza e vicinanza in un momento intenso di compenetrazione, commozione e riconoscenza. Le luci si sono spente, la scena è vuota, non ci resta che ringraziare tutti della loro corale dimostrazione di affetto, sentim

STORMIRE DELLE FRONDE

Immagine
                                                                 Che poi, si allungò a dire Maurizio dopo un attimo di silenzio, se riflettiamo sulla espressione “stormire”, ci viene in mente di aggiungere “delle fronde”, per indicare il rumore del vento tra gli alberi. È corretto anche dire “stormire delle foglie”, anche le foglie stormiscono, ma è uno stormire, minore, più delicato. In tutt’e due i casi, non si tratta di un vero e proprio vento, ma di un’aria, lo stormire è un rumore amabile, anche quando è piuttosto impetuoso (il vento, non il rumore), tanto che, nel secondo caso, quello delle foglie, è preferibile parlare di “mormorio”, che è un sussurro lieve, mentre nel primo può assumere carattere di tempesta. Pancrazio ascoltava con occhi sognanti, immerso nella contemplazione del suo faggio preferito, al paesello, nelle ore meridiane, durante la siesta, dopo un buon pranzo di estate, all’aperto, quando più volte gli era capitato di notare, senza farci caso, proprio q

FRONDE E FOGLIE

Immagine
                                                                         Ieri era il compleanno di Evelina, ha detto Pancrazio e io ho colto nel giardino una fronda di rose e gliel’ho fatta trovare sul comodino, quando si è svegliata. Bravo, ha detto Sebastiano, un bel pensiero e lei che ti ha detto? Invece di ringraziarmi, mi ha detto che non si dice “una fronda” a proposito delle rose. Allora io le ho spiegato che non intendevo dire una “fronna” di rose, come diciamo noi in dialetto, ma un rametto di rosa con una rosa fiorita. Siccome lei ha insistito nel dire che fronda si usa solo per gli alberi e non per i fiori, abbiamo preso il vocabolario e abbiamo cercato fronda e foglia. Che ti avevo detto? Ha concluso dopo aver letto la definizione di ciascuna parola. Si dice “una fronda di ulivo” per indicare un rametto di ulivo con foglie e anche olive, mentre si usa “foglia”, solo se si parla di erbe e di fiori. Va bene, le ho detto, vuol dire che il prossimo anno, invece di

USQUE TANDEM?

Immagine
                                                          Da Berlusconi in poi, il populismo ha soverchiato la democrazia fino al risultato finale di ridare fiato a fantasmi del passato che pensavamo di aver archiviato da un pezzo in un armadio dei cattivi ricordi, con la tristezza di dover assistere allo spettacolo deprimente del Presidente delle Repubblica all’altare della Patria e poi alla parata del 2 giugno accerchiato da personaggi che sono simulacri di ex-gerarchi, i quali “in nome del popolo italiano” sono stati preposti alle massime cariche dello Stato.   Con buona pace dei leghisti che hanno disertato la manifestazione, ma non si sono lasciati scappare l’occasione di insultare il Presidente Mattarella.   Fino a quando dovremo sopportare l’arroganza di una presidente del consiglio, che dal palco sbraita e sguaiatamente chiama per nome la sua principale oppositrice invitandola a dichiarare se condivide o meno menate che riguardano la sua persona?    Come una “piazzaro