Post

MADORNALE

Immagine
                                                                                                                   Vi può essere qualcosa di più madornale dell’amore materno? Chiese Maurizio ad un Pancrazio seriamente preoccupato per la domanda di cui non aveva ben capito il senso e temendo trattarsi di una trappola. Madornale per me è quando uno l’ha fatta grossa, ma si tratta di una cosa sconveniente, tipo un errore madornale, grosso come una casa; non capisco come lo stesso termine si possa usare anche per indicare la cosa più sacra che c’è. L’amore di una madre per il proprio bambino…e si commosse al pensiero della sua di madre che per lui aveva fatto tanto e tanto sofferto. Perché lui non era stato un buon figlio, di questo era sicuro. Madornale viene da madre, gli spiegò inopinatamente Maurizio. O perbacco! Esclamò subito l’inquisito e pensò allora che Maurizio volesse riferirsi all’errore commesso da sua madre, ma come faceva a saper

CENERI

Immagine
                                                                                           Pirandello, tutti lo sanno, fu un antesignano, nella vita come nell’arte, con le sue Maschere Nude scosse le coscienze del pubblico di tutto il Mondo. Il “giallo” che avvolge la sua morte sembra quasi una sua invenzione postuma. È noto che, per quanto riguardava la destinazione da dare ai suoi resti mortali, egli desiderasse che il suo corpo fosse cremato e le ceneri disperse, così che nulla di lui restasse. Le cose non andarono nel senso desiderato dal grande drammaturgo: il corpo fu cremato, ma le ceneri furono raccolte in un’urna, poi trasferite parzialmente in un’altra e quelle che tuttora vengono conservate come le ceneri di Pirandello, non sono tutte sue, ma è risultato che sono state mescolate con altre, appartenute ad una persona sconosciuta, o  fin dal momento della raccolta di esse dal forno crematorio, probabilmente non del tutto pulito da una precedente cremazione, o giacenti ne

TRISTEZZA

Immagine
                                                                               Caro Lucio tu parli di tristezza e dici che ci sarebbe compagna, quanto più siamo vecchi, poi, subito dopo, aggiungi che non è cattiva perché ci fa ricordare i momenti felici della nostra vita. Io ho parlato di nostalgia come dolore del ricordo dei momenti felici che sono lontani e sappiamo che non torneranno. Diciamo la stessa cosa da due punti diversi; quella che tu chiami tristezza altro non è che nostalgia, mentre quella che io chiamo nostalgia è tristezza. Ma tant’è, spostando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia: che sia un’emozione a suscitare tristezza, o il contrario, il risultato è sempre un dolore, una sofferenza che per fortuna non è endemica, cioè ineliminabile e tanto meno ci è “amica”. Il genere “Homo” ha sviluppato nei secoli una tecnica di “elaborazione” del dolore ed in particolare del dolore conseguente ad un lutto per la perdita di una persona cara.   È una tecnica

SOLSTIZIO CLANDESTINO

Immagine
                                                                      La scorsa notte, saranno state le 22,45 o giù di lì, mi rigiravo nel letto, incapace di prender sonno; colpa del caldo, mi dicevo, che mi fa sudare e non mi fa stare bene né sotto, né sopra al lenzuolo. Ma non era così. Questa mattina ho scoperto l’arcano. Mi stava passando sopra, del tutto inatteso, né voluto, anzi ignorato e, quindi clandestino, il solstizio d’estate che alle 22,50, si è verificato inesorabilmente nel nostro emisfero, alla faccia di quelli come me che non solo non volevano cadere nel calderone dell’estate, ma che addirittura avevano pensato ad uno stratagemma per fermarlo ’sto benedetto solstizio ed inchiodarlo ad un perpetuo ultimo minuto di primavera. Ciò non è stato possibile ed io ho preso sonno, mentre il nastro dell’otto volante, superata la curva del punto più elevato della giostra, si è precipitato a capofitto, lungo la discesa vorticosa della stagione più intensa dell’anno ed a q

NOSTALGIA

Immagine
                                                                         La nostalgia è uno stato d’animo, un sentimento di disagio e di dolore per un vuoto che si crea dentro di noi perché è venuto a mancarci qualcosa, che può essere un luogo, la casa, il borgo natio, oppure un tempo, il bel tempo della giovinezza, ma soprattutto è una condizione di sofferenza che si prova per la lontananza di una persona amata, o per la perdita di una persona cara.   La parola “nostos” in greco significa “ritorno” e “algos” vuol dire “dolore”, quindi letteralmente la nostalgia è “il dolore del ritorno”, nel senso del malessere che si prova al pensiero di quello che si è perduto e non potrà tornare. Ritorno ambito, ma solo in ambito mentale, perché è bello ricordare ciò che per noi è stato oggetto di affezione ed è pertanto fonte di piacere il ricordarlo, ma   nel contempo questo ricordo ci arreca un dolore, in quanto acuisce lo strazio della mancanza di quanto siamo tornati a ricordare con la m

MATRIMONIO

Immagine
                                                                         Una volta, tanto tempo fa, in occasione del matrimonio di un amico, ebbi la felice idea (all’epoca ogni tanto ne avevo una) di inviare agli sposi un telegramma spiritoso in luogo del solito pistolotto di circostanza, così concepito: “Amarsi è prendersi per mano e correre”. Quell’amico non mi ha più rivolto la parola. Io seguito a crederci: come idea non mi sembra male, anzi piuttosto realistica, in fin dei conti non si corre solo per necessità, si corre anche per piacere ed il fatto di farlo insieme mi sembra di buon auspicio per chi si accinge a far vita in comune con un’altra persona. Per non sbagliare non ripeterò lo stesso invito. La butto là come proposta: se qualcuno ci crede, ci faccia un pensierino. Buon footing!   (Del tutto occasionalmente, per un matrimonio che si celebrerà domani).

IL LUTTO

Immagine
                                                                              “La Luce delle Stelle Morte - saggio sul lutto e sulla nostalgia” che Massimo Recalcati ha pubblicato qualche tempo fa, mette in relazione la luce delle stelle che si sono spente, che giunge fino a noi molto tempo dopo la loro esplosione o implosione, con la nostra esperienza spirituale del lutto per la perdita di una persona cara e della conseguente nostalgia. L’assunto è che come le stelle seguitano ad emettere raggi anche dopo la loro morte, così le persone care che ci hanno preceduto e che sono scomparse seguitano a vivere dentro di noi e noi elaboriamo il nostro lutto per la loro perdita, mantenendone viva la memoria. Questo voglio dire, oggi 14 giugno, a cinque mesi dalla scomparsa del nostro caro Giuseppe Simone. Egli vive entro di noi ed emana una luce che è di consolazione per tutti coloro che hanno avuto la ventura di percorrere un tratto della loro vita insieme a lui e ne hanno apprezzato l